Acqua Archivi - Find The Cure Italia ODV

Pompa ad immersione per il Centro di Salute di Makono

Tutti i progetti fino ad ora realizzati e tutti quelli in corso di realizzazione sono stati possibili grazie ai fondi provenienti da donazioni di singoli privati e attraverso le molteplici iniziative che Find the cure ha proposto in questi anni e che ancora propone.

Makono è un villaggio rurale che si trova nella regione di Kayes, Circle di Kita, nel sud-ovest del Mali. Abbiamo conosciuto questo villaggio nel 2018, grazie a un medical camp organizzato dall’associazione A.D.I.K , con la quale collaboriamo da tempo. Il comune comprende 14 villaggi e nel censimento del 2009 aveva una popolazione di 9,826 abitanti. Il confine con la Guinea Bissau è a circa 30 km.

Il villaggio di Makono ha un centro della salute e una maternità dove, al momento, non arriva l’acqua. Questa condizione costringe al rifornimento con i metodi classici tramite secchi immersi nel pozzo adiacente. Il progetto 2021 prevede l’installazione di una pompa ad immersione alimentata da pannelli solari e con la quale sarà possibile costruire una rete idrica che porti l’acqua all’interno della maternità.

Budget: 10.000 euro

Come aiutare

Tutte le donazioni sono fiscalmente deducibili.

Dona con Carta di Credito

paypal accepted cards

Puoi effettuare una donazione singola o ricorrente.

logo_wishraiser

Wishraiser ti permette di attivare una donazione ricorrente per i nostri progetti partecipando ogni mese all’estrazione di viaggi e premi.

Dona con Bonifico Bancario

Intestazione / Account Holder: Find The Cure Italia ODV
Sede Legale / Registered Office:
Piazza Della Libertà 8, 17055 Toirano, SV, IT

Donazioni dall’Italia:

IBAN:
IT19I0501801400000011233798

Donazioni dall’estero:

BIC/SWIFT:
ETICIT22XXX

Costruzione di un pozzo per i villaggi di Soninkoura e Noumoribogou

Tutti i progetti fino ad ora realizzati e tutti quelli in corso di realizzazione sono stati possibili grazie ai fondi provenienti da donazioni di singoli privati e attraverso le molteplici iniziative che Find the cure ha proposto in questi anni e che ancora propone.

Soninkoura è una frazione di 300 abitanti del villaggio Beninkoro, punto di rifornimento acqua, ma dal quale dista circa 8 km. 

Non molto differente è il villaggio di Noumoribogou che, con i suoi 250 abitanti si trova sulla strada principale del comune di Kassaro.

In entrambi i villaggi sono presenti pozzi scavati a mano che presentano problematiche molto comuni nelle zone rurali:

  • In alcuni mesi dell’anno sono secchi
  • Soventemente presentano acqua stagnante
  • Essendo pozzi aperti rappresentano un rischio per il gran numero di bambini del villaggio

I pozzi esistenti scavati a mano:

Come aiutare

Tutte le donazioni sono fiscalmente deducibili.

Dona con Carta di Credito

paypal accepted cards

Puoi effettuare una donazione singola o ricorrente.

logo_wishraiser

Wishraiser ti permette di attivare una donazione ricorrente per i nostri progetti partecipando ogni mese all’estrazione di viaggi e premi.

Dona con Bonifico Bancario

Intestazione / Account Holder: Find The Cure Italia ODV
Sede Legale / Registered Office:
Piazza Della Libertà 8, 17055 Toirano, SV, IT

Donazioni dall’Italia:

IBAN:
IT19I0501801400000011233798

Donazioni dall’estero:

BIC/SWIFT:
ETICIT22XXX

Due pozzi per i villaggi di BOKOBLEM e DEMBAKORO

Tutti i progetti fino ad ora realizzati e tutti quelli in corso di realizzazione sono stati possibili grazie ai fondi provenienti da donazioni di singoli privati e attraverso le molteplici iniziative che Find the cure ha proposto in questi anni e che ancora propone.

Il villaggio di Bokoblen è una frazione di Tibassa – punto di rifornimento acqua, dal quale dista circa 6 km. Ha una popolazione di 500 abitanti

Non molto differente è il villaggio di Dembakoro che, con i suoi 456 abitanti si trova a una decina di km da un altro villaggio che rifornisce acqua: Nafadjicoro.

In entrambi i villaggi sono presenti pozzi scavati a mano che presentano problematiche molto comuni nelle zone rurali:

– In alcuni mesi dell’anno sono secchi
– Acqua stagnante e quindi insalubre
– Sono pozzi aperti e dato il gran numeri di bambini nel villaggio possono essere pericolosi.

Obiettivo: 20.000 euro per entrambi

Bokoblen – Il pozzo scavato a mano

Dembakoro – Il pozzo scavato a mano

Come aiutare

Tutte le donazioni sono fiscalmente deducibili.

Dona con Carta di Credito

paypal accepted cards

Puoi effettuare una donazione singola o ricorrente.

logo_wishraiser

Wishraiser ti permette di attivare una donazione ricorrente per i nostri progetti partecipando ogni mese all’estrazione di viaggi e premi.

Dona con Bonifico Bancario

Intestazione / Account Holder: Find The Cure Italia ODV
Sede Legale / Registered Office:
Piazza Della Libertà 8, 17055 Toirano, SV, IT

Donazioni dall’Italia:

IBAN:
IT19I0501801400000011233798

Donazioni dall’estero:

BIC/SWIFT:
ETICIT22XXX

Costruzione di un pozzo nel villaggio di Dembabogou

Tutti i progetti fino ad ora realizzati e tutti quelli in corso di realizzazione sono stati possibili grazie ai fondi provenienti da donazioni di singoli privati e attraverso le molteplici iniziative che Find the cure ha proposto in questi anni e che ancora propone.

Dembabogou è una piccola frazione, di circa 250 abitanti, nel Comune di Kassaro. La prima visita nel villaggio è stata fatta nell’Aprile 2019, in occasione di Mission Mali XII. Il villaggio è stato visitato da Eleonora Biasin e Giorgia Rizzonato.

E’ apparso immediatamente molto problematico : hanno due pozzi, scavati a mano, che nella stagione secca si asciugano completamente. Come in tutti i villaggi africani, i primi a farne le spese della mancanza d’acqua sono i più piccoli, e quelle categorie più fragili, come i malati e gli anziani.

Come spesso in Find The Cure diciamo: Acqua e Vita. E la vita anche qui comincia da un pozzo.

TIPOLOGIA DI SOSTEGNO: spot
BUDGET: 10,000 euro

Come aiutare

Tutte le donazioni sono fiscalmente deducibili.

Dona con Carta di Credito

paypal accepted cards

Puoi effettuare una donazione singola o ricorrente.

logo_wishraiser

Wishraiser ti permette di attivare una donazione ricorrente per i nostri progetti partecipando ogni mese all’estrazione di viaggi e premi.

Dona con Bonifico Bancario

Intestazione / Account Holder: Find The Cure Italia ODV
Sede Legale / Registered Office:
Piazza Della Libertà 8, 17055 Toirano, SV, IT

Donazioni dall’Italia:

IBAN:
IT19I0501801400000011233798

Donazioni dall’estero:

BIC/SWIFT:
ETICIT22XXX

Costruzione di un pozzo nel villaggio di Sophie, in Mali

Tutti i progetti fino ad ora realizzati e tutti quelli in corso di realizzazione sono stati possibili grazie ai fondi provenienti da donazioni di singoli privati e attraverso le molteplici iniziative che Find the cure ha proposto in questi anni e che ancora propone.

Sophie è una piccola frazione, scarna di vegetazione, nel Comune di Kassaro. Si trova nella stessa area di due villaggi, Tomojan e Mogayabogou, dove in passato abbiamo costruito due pozzi che, attualmente, riforniscono l’acqua anche i 300 abitanti di Sophie.

Il villaggio di Sophie dispone sì di quattro pozzi ma scavati a mano e quindi non in grado di rifornire il villaggio in quanto spesso a secco e comunque pericolosi per i bambini, già messi a dura prova dalle scarse condizioni igieniche dovute all’acqua insalubre.

Costo del progetto:
10.000€ comprensivi di studio idrogeologico, scavo e impianto pompa manuale

Questo progetto è sostenuto dall’iniziativa solidale di Tommaso Palo “ADAMO (Atacama Desert Adventure from Mars to Ocean)” che lo vedrà attraversare, in solidaria, la parte nord del deserto dell’Atacama in Cile.

Acqua è vita: le ragioni di un Pozzo

Chissà se ci pensiamo, tutte le volte che apriamo uno dei tanti rubinetti che abbiamo in casa a quale importanza ricopra per la vita l’acqua!

Provare ad immaginare la nostra quotidianità senza: crediamo sia impossibile per chiunque, anche per il consumatore più avveduto. Quanti gesti più o meno superflui compiamo ogni giorno in maniera ormai automatica ed inconsapevole che, se pensiamo di eliminare riteniamo inconcepibile: una doccia, fare una lavatrice, lavarsi i denti, sciacquare abbondantemente i piatti, lavare l’auto, lavarsi le mani prima del pasto, cucinare un pasto. Cucinare un pasto appunto.

Si dice “semplice come bere un bicchiere d’acqua” eppure un bene cosi prezioso ed indispensabile ancora oggi non è a disposizione di tutti. Fa parte della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani avere accesso e disponibilità di acqua buona eppure c’è chi si arrangia, tanto auto da lavare non ce ne sono, ed i pochi vestiti non hanno bisogno di essere lavati cosi frequentemente.

Già ma per tutto il resto? Provate a immaginare di attingere per bere ad una fonte non controllata, a una pozza… vi lavereste le mani prima di mangiare con dell’acqua sporca? Probabilmente la stessa acqua sarà l’unica a disposizione per bere o cucinare qualcosa.

Ecco perché tra i tanti progetti promossi ogni anno da Find the Cure trova sempre spazio un pozzo nuovo, come quello del villaggio Sophie Taman.

Per descrivere il villaggio di Sophie forse basta fare un copia incolla di tanti altri villaggi di cui abbiamo scritto in questi anni. E’ nel comune di Kassaro in Mali, è fatto di capanne e di una vita semplice. Ha circa 300 abitanti, 4 pozzi scavati a mano, uno dei quali completamente prosciugato. Con l’acqua di questi pozzi non ci lavereste nemmeno l’auto, vi si ricoprirebbe di terra rossa. I bambini sono allegri e sorridenti, indossano per lo più maglie da calcio di superstar di cui sentiamo parlare spesso e hanno pance grosse.

Sotto la tettoia della casa del capovillaggio sentiamo dire una cosa che abbiamo sentito spesso: l’acqua è vita. Insomma niente di nuovo, Sophie non è tanto diverso da Namafiè, Balazantomo, Borobogou e Takoni, tanto per citare alcuni dei villaggi dove abbiamo finanziato la costruzione di un pozzo. Hanno tutti un comune denominatore: l’assenza di acqua, quella buona, quella che non sa di terra e di insetti, quella che non ti fa venire la diarrea e non ha parassiti.

Finanziare la costruzione di un pozzo vuol dire fare uno studio idrogeologico prima, trivellare a una profondità tra i 50 e gli 80 metri e, una volta trovata l’acqua, installare un pompa manuale. La realizzazione di un pozzo non è esattamente la realizzazione di un acquedotto, niente rubinetti o fontane che sgorgano incessanti dunque ma, la concretizzazione di quel diritto che per noi pare scontato.

Un po’ di superfluo vorremmo regalarlo comunque. Vuoi mettere la gioia di tutti quei bimbi festanti quando le trivelle porteranno e disperderanno litri e litri d’acqua?

Come aiutare

Tutte le donazioni sono fiscalmente deducibili.

Dona con Carta di Credito

paypal accepted cards

Puoi effettuare una donazione singola o ricorrente.

logo_wishraiser

Wishraiser ti permette di attivare una donazione ricorrente per i nostri progetti partecipando ogni mese all’estrazione di viaggi e premi.

Dona con Bonifico Bancario

Intestazione / Account Holder: Find The Cure Italia ODV
Sede Legale / Registered Office:
Piazza Della Libertà 8, 17055 Toirano, SV, IT

Donazioni dall’Italia:

IBAN:
IT19I0501801400000011233798

Donazioni dall’estero:

BIC/SWIFT:
ETICIT22XXX

Un pozzo per il villaggio di Niamafè

Tutti i progetti fino ad ora realizzati e tutti quelli in corso di realizzazione sono stati possibili grazie ai fondi provenienti da donazioni di singoli privati e attraverso le molteplici iniziative che Find the cure ha proposto in questi anni e che ancora propone.

Il villaggio di Niamafè: è l’unico villaggio del comune di Makono che non dispone di un punto di acqua potabile. Ha sei pozzi scavati a mano che però presentano problematiche molto comuni nelle zone rurali:

– In alcuni mesi dell’anno sono secchi
– Molti presentano acqua stagnante
– Sono pozzi aperti e dato il gran numeri di bambini nel villaggio possono essere pericolosi.

Preventivo per la realizzazione : 10.000 euro

Come aiutare

Tutte le donazioni sono fiscalmente deducibili.

Dona con Carta di Credito

paypal accepted cards

Puoi effettuare una donazione singola o ricorrente.

logo_wishraiser

Wishraiser ti permette di attivare una donazione ricorrente per i nostri progetti partecipando ogni mese all’estrazione di viaggi e premi.

Dona con Bonifico Bancario

Intestazione / Account Holder: Find The Cure Italia ODV
Sede Legale / Registered Office:
Piazza Della Libertà 8, 17055 Toirano, SV, IT

Donazioni dall’Italia:

IBAN:
IT19I0501801400000011233798

Donazioni dall’estero:

BIC/SWIFT:
ETICIT22XXX

Costruzione di un pozzo presso il villaggio di Milola, Tanzania

Milola è un piccolo villaggio di 4350 abitanti, situato nel distretto di Ulanga, sotto la diocesi di Mahenge (50km), a 25km da Ifakara, 70km da Msolwa Ujamaa e 434km da Dar Es Salaam.

Si trova in un’area semi-arida dove le precipitazioni annue ammontano a 600mm. La popolazione locale, che abita in capanne fatte di bambù con tetti in lamiera, vive principalmente di agricoltura e di pastorizia, attività che dipendono dalla stagionalità del raccolto.

Durante la stagione secca (da Giugno a Novembre) vi è carenza di acqua e i quattro pozzi poco profondi del villaggio risultano completamente asciutti. Questi infatti sono in grado di fornire acqua durante la stagione delle piogge (da Dicembre a Maggio) ma non durante quella secca.

Visto il perenne problema di scarsità di acqua durante la stagione secca, i Missionari della Compassione e gli abitanti del villaggio sottolineano la necessità di costruire un pozzo profondo 100mt per da garantire acqua potabile 12 mesi all’anno. A beneficiare di questo nuovo pozzo saranno gli abitanti di Milola, area limitrofa alla missione, e la missione stessa che comprende la chiesa, la casa dei Missionari, la casa delle Sisters e, in programma di costruzione, un dispensario, la scuola e l’ostello per i ragazzi.

Il costo totale del progetto è di 29.805.100,00 scellini tanzani che corrispondono a 11.247€ e comprende la perforazione del pozzo, il materiale idraulico, il materiale elettrico, la pompa e il serbatoio dell’acqua con la relativa costruzione di supporto. I costi amministrativi, quelli di messa in sicurezza del sito e gli onorari professionali saranno coperti dai contributi dei locali. Il supporto richiesto dai Missionari della Compassione a Find The Cure è di 10.000€.

Pozzo di Milola esistente nel mese di Ottobre 2018

Visita al villaggio di Milola, Ottobre 2018

Come sappiamo in queste aree acqua significa vita: l’acqua serve per irrigare i campi da coltivare, per cucinare, per l’igiene personale e soprattutto serve acqua potabile da poter bere prevenendo l’insorgenza di malattie infettive come il tifo, ancora molto diffuso

Elena con Father Manoj

Casa dei Missionari

Casa delle Sisters

Mission Tanzania 18

Progetto #Ready now : prevenzione e azione emergenza siccità – Maralal

Tutti i progetti fino ad ora realizzati e tutti quelli in corso di realizzazione sono stati possibili grazie ai fondi provenienti da donazioni di singoli privati e attraverso le molteplici iniziative che Find the cure ha proposto in questi anni e che ancora propone.

Cari amici, a volte ci sono situazioni che danno fiducia e rinforzano la speranza. La risposta all’appello Emergenza Kenya è stata ottima e la famiglia si è allargata. Unendo le forze abbiamo dato un aiuto ancora più grande alla popolazione colpita dalla siccità del Nord Samburu. Con piacere vi presentiamo nuovi amici: Collective Community Action (amico di vecchia data e partner in Kenya sin dal primo giorno), Nutri Aid e Fondazione L’Albero della Vita – Onlus. Insieme con i quali, grazie alle vostre donazioni nella campagna Emergenza Kenya, abbiamo dato vita al progetto #ReadyNow.

Il progetto #ReadyNow nasce dall’incontro di queste quattro associazioni che mentre stavano progettando attività di sviluppo nella regione nord del Samburu County, testimoni diretti di tale situazione di emergenza, hanno deciso di unire le forze e le conoscenze per cercare di portare aiuti immediati di cibo e acqua ai villaggi più remoti.

Il progetto #ReadyNow si impegna a dare un aiuto immediato e diretto alla popolazione più bisognosa trasformando interamente le donazioni in acqua e cibo per le fasce più fragili, con precedenza per i bambini degli asili e delle scuole elementari, per gli anziani soli, per le donne in gravidanza e in fase di allattamento e per le famiglie che hanno perso il bestiame per via della siccità. La priorità assoluta è la velocità di intervento, senza rallentamenti in burocrazia e formalità, ma il raggiungimento immediato delle famiglie che stanno lottando contro la siccità.  A richiesta di aiuto risposta rapida. Adesso.

Grazie a tutti coloro che si uniranno a noi per far si che il progetto #ReadyNow possa raggiungere il più ampio numero possibile di persone.

Resoconto distribuzione cibo

Ci piacerebbe farvi vedere quello che vediamo noi #now ma possiamo farlo solo attraverso le foto.

Diario sulla siccità

Mararal, Kenya – Febbraio 2017

Cari Amici,
abbiamo aspettato anche noi a chiedervi aiuto, come stanno aspettando tutti qui le piogge. Ma le nuvole continuano a passare senza portare una goccia. E ormai la situazione è diventata davvero drammatica.

Il Kenya ha dovuto dichiarare lo stato di emergenza nazionale per calamità naturale. . A lanciare l’allarme è stato il governo di Nairobi mentre il presidente Uhuru Kenyatta ha messo in guardia i commercianti e i distributori di viveri a non approfittare della situazione per arricchirsi a danno dei poveri. Il leader kenyano ha lanciato un appello alla comunità internazionale a fornire aiuti. Se non arrivassero gli aiuti, precisa la Croce rossa keniana, 2,7 milioni di persone rischiano di morire di fame. Oltre che sui giornali lo vediamo tutto intorno a noi. La siccità che spesso suona come una dato, una statistica raccontata dai telegiornali è una durissima realtà che impatta su tutti gli aspetti della vita.

Tutta la regione del Samburu Nord è completamente arida, tutto secco. Nei fiumi stagionali neanche una goccia, nei pozzi neanche. I pastori Samburu hanno dovuto lasciare le famiglie per portare i loro animali in aree molto remote dove persiste l’ultima erba e per farvi un esempio pratico, poichè nella cultura Samburu è il padre che decide pressoché tutto, molto spesso non possiamo fare operazioni mediche importanti (osteomieliti, innesti su ustioni gravi, etc) perchè non abbiamo il consenso del padre che è chissà dove a far sopravvivere il bestiame, per loro unica fonte di sostentamento e sicurezza economica in caso di reale necessità.

Molti bambini hanno dovuto lasciare la scuola per seguire gli animali, altri si sono dovuti rifugiare nelle zone più montuose del Monte Nyro dove c’è più vegetazione, ma sono ancora più isolati da tutto e lontani dalle scuole e dai servizi sanitari. Le donne arrivano in maternità per partorire in stati di disidratazione e malnutrizione cronica elevatissimi, anemiche; ogni taglio cesareo di emergenza è un taglio cesareo complesso per le condizioni precarie della donna.

Il tasso dei neonati prematuri sotto 1 kg è aumentato drasticamente a causa delle infezioni continue delle donne correlate alla mancanza di acqua e per gli sforzi e le distanze che devono percorrere quotidianamente per procurarsi l’acqua. Con l’aumento dei neonati prematuri, il numero delle morti perinatali è diventato elevatissimo. Nell’ultima riunione di ospedale, fatta per discutere le morti perinatali, siamo rimasti tutti senza parole nel vedere sul tavolo la pila di cartelle dell’ultimo mese. Questo elenco potrebbe andare avanti ancora molto a lungo e come disse un professore di Salute Globale “la povertà è un sistema in perfetto equilibrio, e come tutti i sistemi in perfetto equilibrio, molto difficile da alterare”.

Onestamente, di continuare a vivere tutto questo in attesa delle piogge, non è più possibile; così abbiamo deciso, per quanto poco possa essere, di alterare quell’equilibrio e portare del cibo direttamente alle famiglie di alcuni villaggi che da anni seguiamo con progetti di sviluppo: Tuum, Parquati, Wasarongai, Simalè, Lalerock.

La Contea Samburu e il governo del Kenya si stanno muovendo, hanno comprato cibo dal WFP (World Food Program) che a sua volta ha incaricato un’associazione per la distribuzione, ma i tempi sono ancora lunghi. Abbiamo così progettato questo intervento piccolo ma immediato, per tamponare un minimo la situazione.

Le famiglie individuate per il supporto sono in precedenza famiglie con più figli, donne incinta e bambini sotto i 5 anni di età.

140 famiglie a TUUM
140 famiglie a Parquati
110 famiglie a Wasarongai
80 famiglie a Simalè
80 famiglie a Larerok
Nel villaggio più remoto di tutti, Parquati, vorremmo ripristinare la pompa del pozzo che è rotta e creare un serbatoio di emergenza di 5000 litri per un costo di circa 2.500 euro.

La settimana tra il 20 e il 24 febbraio, in seguito alla diretta richiesta di aiuto dal preside della scuola, abbiamo depositato e montato un serbatoio di acqua da 5000 litri per la scuola di Simalè, in modo da creare una fonte temporanea di acqua per tutti i bambini della scuola. Il costo è stato di 700 euro. (400 euro di serbatoio, 200 di trasporto, 100 euro tubature e cemento per la base).

In questi giorni grazie al vostro supporto stiamo già ricevendo le donazioni. Entro questo fine settimana (4-5 Marzo 2017) vorremmo già procedere all’acquisto del cibo in modo da iniziare la distribuzione già dalla prossima settimana. L’emergenza è adesso.

Grazie a tutti coloro che ci aiutano in questo piccolo tentativo di “rompere l’equilibrio”.

FTC Kenya

Come aiutare

Tutte le donazioni sono fiscalmente deducibili.

Dona con Carta di Credito

paypal accepted cards

Puoi effettuare una donazione singola o ricorrente.

logo_wishraiser

Wishraiser ti permette di attivare una donazione ricorrente per i nostri progetti partecipando ogni mese all’estrazione di viaggi e premi.

Dona con Bonifico Bancario

Intestazione / Account Holder: Find The Cure Italia ODV
Sede Legale / Registered Office:
Piazza Della Libertà 8, 17055 Toirano, SV, IT

Donazioni dall’Italia:

IBAN:
IT19I0501801400000011233798

Donazioni dall’estero:

BIC/SWIFT:
ETICIT22XXX

Emergenza siccità Kenya: una WATER TANK per il villaggio di Simalè

Tutti i progetti fino ad ora realizzati e tutti quelli in corso di realizzazione sono stati possibili grazie ai fondi provenienti da donazioni di singoli privati e attraverso le molteplici iniziative che Find the cure ha proposto in questi anni e che ancora propone.

Nella prima metà dell’anno 2017, il Kenya ha attraversato e sta tuttora attraversando un periodo di siccità estrema che sta mettendo a durissima prova tutte le popolazioni del nord. Dopo aver ricevuto una richiesta di aiuto dagli insegnanti di Simalè abbiamo trasportato e montato un tank da 5000 litri che viene riempito una volta al mese dal camion emergenze dell’acqua della contea. Un ringraziamento alla Contea Samburu, al  Ministero dell’acqua e ad Amref per il supporto logistico nell’iniziativa.

L’acquisto della Water Tank è stato reso possibile grazie alla Raccolta Fondi “Emergenza Siccità” su you.findthecure.it

Come aiutare

Tutte le donazioni sono fiscalmente deducibili.

Dona con Carta di Credito

paypal accepted cards

Puoi effettuare una donazione singola o ricorrente.

logo_wishraiser

Wishraiser ti permette di attivare una donazione ricorrente per i nostri progetti partecipando ogni mese all’estrazione di viaggi e premi.

Dona con Bonifico Bancario

Intestazione / Account Holder: Find The Cure Italia ODV
Sede Legale / Registered Office:
Piazza Della Libertà 8, 17055 Toirano, SV, IT

Donazioni dall’Italia:

IBAN:
IT19I0501801400000011233798

Donazioni dall’estero:

BIC/SWIFT:
ETICIT22XXX

Costruzione di 4 pozzi con pompa manuale, Mali

Tutti i progetti fino ad ora realizzati e tutti quelli in corso di realizzazione sono stati possibili grazie ai fondi provenienti da donazioni di singoli privati e attraverso le molteplici iniziative che Find the cure ha proposto in questi anni e che ancora propone.

Costruzione di 4 pozzi con pompa manuale nel villaggio nel Comune di Kassarò, Mali.

Dal 2012 stiamo portando avanti progetti legati alla costruzione di pozzi nei villaggi del  Comune di Kassarò. Pozzi profondi, circa 60-70 metri, proceduti da uno studio idrogeologico del terreno. Ad ora FTC ha costruito 9 pozzi nei 17 villaggi del Comune. Partner locale: il sindaco, Yacouba Diakitè.

Come aiutare

Tutte le donazioni sono fiscalmente deducibili.

Dona con Carta di Credito

paypal accepted cards

Puoi effettuare una donazione singola o ricorrente.

logo_wishraiser

Wishraiser ti permette di attivare una donazione ricorrente per i nostri progetti partecipando ogni mese all’estrazione di viaggi e premi.

Dona con Bonifico Bancario

Intestazione / Account Holder: Find The Cure Italia ODV
Sede Legale / Registered Office:
Piazza Della Libertà 8, 17055 Toirano, SV, IT

Donazioni dall’Italia:

IBAN:
IT19I0501801400000011233798

Donazioni dall’estero:

BIC/SWIFT:
ETICIT22XXX