Kenya Archivi - Find The Cure Italia ODV

Samburu Orthopaedic and Trauma Project

Tutti i progetti fino ad ora realizzati e tutti quelli in corso di realizzazione sono stati possibili grazie ai fondi provenienti da donazioni di singoli privati e attraverso le molteplici iniziative che Find the cure ha proposto in questi anni e che ancora propone.

Quando si parla di sanità nei paesi in via di sviluppo, il primo pensiero va a Malaria, Tubercolosi e HIV. In realtà nell’ultimo decennio il quadro è drasticamente cambiato. La crescente urbanizzazione in cerca di lavoro e l’immissione sul mercato di motocicli a basso costo (e quindi accessibili a molti) prodotti dalla Cina ha creato una vera epidemia di traumatologia. A quanto riportato dai dati del “Global Burden of Disease” con il DALY (Disability Adjusted Life Years), un punteggio per calcolare l’impatto di una malattia sulla popolazione, le patologie muscolo scheletriche, in particolar modo il trauma, ha un peso superiore a Malaria, Tubercolosi e HIV insieme. Questo ha creato una situazione estremamente sbilanciata nei paesi in via di sviluppo, da un lato un numero impressionante di casi traumatologici, dall’altro un sistema carente di ortopedia e traumatologia che va dalla pre-ospedalizzazione al post operatorio.

Cosa vuole dire trauma in Africa? Cosa vuol dire avere una frattura?

Il costo elevatissimo dei corretti impianti ortopedici per trattare chirurgicamente le fratture rende inaccessibile per l’80% della popolazione le cure adeguate, che per fratture complesse rischia di evolvere in pseudoartrosi, deformità e disabilità, con un impatto sociale enorme sulla famiglia: impossibilità di andare a prendere l’acqua o la legna, impossibilità a lavorare per mantenere la famiglia, impossibilità di andare a scuola e perdere l’opportunità all’educazione.

Qualcuno disse “la povertà è ad un passo da una frattura” ed è la verità: per coloro che hanno una frattura sono costretti a vendere il proprio bestiame, la propria terra e a volte la casa per poter coprire le spese di impianti ortopedici.

Dal 2016 abbiamo l’opportunità di lavorare all’interno di un ospedale governativo nel Samburu County con il dott. Daniele Sciuto, e dal 2019 il peso enorme della traumatologia e la frustrazione di testimoniare quotidianamente disabilità dovute a incorretto trattamento delle fratture, lo ha spinto ad iniziare un programma di ortopedia e traumatologia.

Partendo da zero, le necessità erano enormi, ma grazie al supporto di NGO e amici, anno dopo anno, il Samburu County Referral Hospital è diventato il centro di riferimento ortopedico traumatologico per tutto il Samburu County e le contee limitrofe, fornendo trattamento ortopedico di qualità con impianti adeguati completamente gratuiti.

In questi anni Find The Cure Italia Onlus, ha supportato il programma ortopedico-traumatologico comprando materiale tecnico come il trapano ortopedico, fornendo stampelle per deambulazione precoce a tutti i pazienti e coprendo le spese di viaggio per i controlli post-operatori all’ospedale di riferimento.

A oggi si contano oltre 400 operazioni con impianti ortopedici (chiodi endomiddolari forniti da SIGN Fracture Care international, fissatori esterni per fratture esposte e correzione delle deformità, placche per fratture e correzioni di pseudoartrosi) per un risparmio stimato di oltre 1 milione di euro per la popolazione Samburu e , ci piace pensare, una riduzioni di disabilità con un impatto enorme sulla famiglia e sulla società.

Samburu Orthopaedic and Trauma Project

Le necessità sono ancora tante: da circa sei mesi sono iniziate le operazioni di endoprotesi (protesi di anca) per pazienti con fratture del collo del femore per poterli far tornare a deambulare il più velocemente possibile ed evitare le complicanze di allettamento in persone anziane e il rimpiazzo di impianti ortopedici è continuo e senza sosta dovuto all’alto numero di operazioni settimanali.

Per questo nasce il progetto “Samburu Orthopaedic and Trauma Project” per poter fornire a tutti i pazienti il trattamento corretto per la frattura subita, e tornare ad essere attivi al 100% senza disabilità nel minor tempo possibile per poter prendersi cura della famiglia e dell’educazione.

Di cosa si occupa il progetto

  • Acquisto di impianti ortopedici, in particolare modo endoprotesi di anca, placche e viti.
  • Acquisto di strumentario ortopedico dedicato.
  • Acquisto di stampelle per garantire una rapida deambulazione.
  • Supporto di spese di viaggio per poter ricevere le visite di controllo e garantire una guarigione completa senza complicanze.
  • Non per ultimo, il futuro delle zone remote come il Samburu County, è nella Telemedicina. Da circa un anno abbiamo supportato la creazione di un applicazione chiama “Squat and Smile App” che permette la valutazione dei pazienti ortopedici da remoto, in modo da aumentare la percentuale di follow up nei pazienti ortopedici e evitare spostamenti nelle zone più remote della contea.

Come aiutare

Grazie a tutti coloro che vorranno aiutarci nel sostenere le cure ortopediche per la popolazione del Samburu County.

Donazioni dall’Italia:

IBAN:
IT19I0501801400000011233798

Donazioni dall’estero:

BIC/SWIFT:
ETICIT22XXX

Intestazione / Account Holder: Find The Cure Italia ODV
Sede Legale / Registered Office:
Piazza Della Libertà 8, 17055 Toirano, SV, IT

Protesi di anca:
200 euro

Stampella:
20 euro

Trasporto:
40 euro

(Andata e ritorno all’ospedale di riferimento)

Placche:
400 euro

(Placche dedicate per fratture intraarticolari)

App Squat and Smile:
400 euro

(Sostegno costi di sviluppo e mantenimento)

Sostegno Libero
donazione libera

(Acquisto di strumentario ortopedico dedicato)

Partner


Photo Credits: Chuck Bigger

Sostegno alla Nursery di Parkati

Tutti i progetti fino ad ora realizzati e tutti quelli in corso di realizzazione sono stati possibili grazie ai fondi provenienti da donazioni di singoli privati e attraverso le molteplici iniziative che Find the cure ha proposto in questi anni e che ancora propone.

Parkati si trova in Samburu County a 26 Km da Tuum in una zona molto arida, che riceve meno di 300-450 mm di pioggia all’anno. E’ una comunità Turkana di circa 1000 persone che conosciamo sin dalle prime missioni in Samburu.

La struttura della nursery è stata recentemente costruita ed è molto ben tenuta e pulita. Ci sono 2 classi ed è frequentata da circa 100 bambini all’anno. C’è anche un parco giochi!

Dal 2016 le sister di Tuum gestiscono la nursery provvedendo al pagamento degli insegnanti, del materiale scolastico e del cibo. Parkati è una comunità molto povera e con la gestione della nursery ci si prende carico di tutta la comunità.

Dal 2020 FTC sosterrà la fornitura di cibo per la nursery per tutto l’anno scolastico.

Puoi sostenere questo progetto su You Find The Cure!

I Regali Solidali sono Progetti sono scelti dalla Carta dei Propositi di Find The Cure per l’anno in corso. Per ciascuno sono possibili diversi tagli di donazione, a partire da sette euro. Le donazioni vengono usate al 100% per il progetto scelto e comprendono giornate alimentari, stipendi per insegnanti e kit scolastici.

Li abbiamo chiamati Regali perchè, compilando una cartolina che riceverai una volta completata la donazione, possono essere donati anche a una persona cara. Ma soprattutto perchè si tratta di piccoli pensieri che portano grandi differenze nei paesi sostenuti dai Progetti Find The Cure!

Una shamba per lo sherp

Tutti i progetti fino ad ora realizzati e tutti quelli in corso di realizzazione sono stati possibili grazie ai fondi provenienti da donazioni di singoli privati e attraverso le molteplici iniziative che Find the cure ha proposto in questi anni e che ancora propone.

Shamba in lingua Swaili significa Fattoria

Denominato “A farmer for disability”, il progetto vuole fornire allo S.H.E.R.P. gli strumenti per una maggior autosufficienza attraverso la creazione di campi da coltivazione per la verdura.

Ormai da anni nei programmi di sostegno Find The Cure, lo S.H.E.R.P è un centro che si trova nella cittadina di Maralal, che accoglie circa 130 ragazzi, abbandonati dalle proprie famiglie poiché affetti da differenti disabilità. E’ il primo posto che ha accolto FTC quando siamo approdati in Kenya.

La Shamba

Attualmente l’orto è già attivo e ricopre l’intero fabbisogno di verdura dello S.H.E.R.P, viene curato da Loomwa, ragazzo turkana che Find the Cure ha incontrato sulla propria strada circa due anni fa. L’obiettivo è aumentare l’autosufficienza dello S.H.E.R.P. ampliando l’orto delle verdure, realizzando un pollaio per la produzione di uova e un forno per la produzione del pane. Un circolo virtuoso di auto mantenimento da parte del centro ci permetterà di meglio investire i fondi fino ad oggi investiti principalmente nell’aquisto di cibo.

Grazie a una donazione nel 2018 dell’Associazione “Il Cuore di Lucia” abbiamo potuto scavare un pozzo che garantisce acqua pulita tutto l’anno, costruire un magazzino per le provviste, allestire un negozio per la vendita diretta dei prodotti eccedenti ai locals e adibire un chiosco alla distribuzione dell’acqua. Questa donazione ci ha dato la possibilità di dare inizio al progetto, che ha però bisogno di continuo sostegno, soprattutto in questi primi mesi iniziali (2019) e durante tutto il periodo di siccità.

La vendita, unita al risparmio guadagnato grazie alla produzione locale, permette e permetterà maggiormente al centro di provvedere alle bollette dell’energia, lasciando al contempo una disponibilità economica utile per l’acquisto del cibo necessario non prodotto in autonomia o l’aumento di servizi del centro come medicine o personale infermieristico.

L’enorme impegno di Loomwa ha permesso alla piccola Shamba di crescere, dando al progetto questa svolta decisiva. Ad ora sono infatti 5 le persone che percepiscono un salario lavorando per la Shamba: Loomwa, gestore, e Joseph – entrambi contadini – insieme a Sandra, Hellen e Dicky (uno dei ragazzi più grandi dello Sherp) che si occupano del negozio e del chiosco dell’acqua.

Come aiutare

Tutte le donazioni sono fiscalmente deducibili.

Dona con Carta di Credito

paypal accepted cards

Puoi effettuare una donazione singola o ricorrente.

logo_wishraiser

Wishraiser ti permette di attivare una donazione ricorrente per i nostri progetti partecipando ogni mese all’estrazione di viaggi e premi.

Dona con Bonifico Bancario

Intestazione / Account Holder: Find The Cure Italia ODV
Sede Legale / Registered Office:
Piazza Della Libertà 8, 17055 Toirano, SV, IT

Donazioni dall’Italia:

IBAN:
IT19I0501801400000011233798

Donazioni dall’estero:

BIC/SWIFT:
ETICIT22XXX

Progetto #Ready now : prevenzione e azione emergenza siccità – Maralal

Tutti i progetti fino ad ora realizzati e tutti quelli in corso di realizzazione sono stati possibili grazie ai fondi provenienti da donazioni di singoli privati e attraverso le molteplici iniziative che Find the cure ha proposto in questi anni e che ancora propone.

Cari amici, a volte ci sono situazioni che danno fiducia e rinforzano la speranza. La risposta all’appello Emergenza Kenya è stata ottima e la famiglia si è allargata. Unendo le forze abbiamo dato un aiuto ancora più grande alla popolazione colpita dalla siccità del Nord Samburu. Con piacere vi presentiamo nuovi amici: Collective Community Action (amico di vecchia data e partner in Kenya sin dal primo giorno), Nutri Aid e Fondazione L’Albero della Vita – Onlus. Insieme con i quali, grazie alle vostre donazioni nella campagna Emergenza Kenya, abbiamo dato vita al progetto #ReadyNow.

Il progetto #ReadyNow nasce dall’incontro di queste quattro associazioni che mentre stavano progettando attività di sviluppo nella regione nord del Samburu County, testimoni diretti di tale situazione di emergenza, hanno deciso di unire le forze e le conoscenze per cercare di portare aiuti immediati di cibo e acqua ai villaggi più remoti.

Il progetto #ReadyNow si impegna a dare un aiuto immediato e diretto alla popolazione più bisognosa trasformando interamente le donazioni in acqua e cibo per le fasce più fragili, con precedenza per i bambini degli asili e delle scuole elementari, per gli anziani soli, per le donne in gravidanza e in fase di allattamento e per le famiglie che hanno perso il bestiame per via della siccità. La priorità assoluta è la velocità di intervento, senza rallentamenti in burocrazia e formalità, ma il raggiungimento immediato delle famiglie che stanno lottando contro la siccità.  A richiesta di aiuto risposta rapida. Adesso.

Grazie a tutti coloro che si uniranno a noi per far si che il progetto #ReadyNow possa raggiungere il più ampio numero possibile di persone.

Resoconto distribuzione cibo

Ci piacerebbe farvi vedere quello che vediamo noi #now ma possiamo farlo solo attraverso le foto.

Diario sulla siccità

Mararal, Kenya – Febbraio 2017

Cari Amici,
abbiamo aspettato anche noi a chiedervi aiuto, come stanno aspettando tutti qui le piogge. Ma le nuvole continuano a passare senza portare una goccia. E ormai la situazione è diventata davvero drammatica.

Il Kenya ha dovuto dichiarare lo stato di emergenza nazionale per calamità naturale. . A lanciare l’allarme è stato il governo di Nairobi mentre il presidente Uhuru Kenyatta ha messo in guardia i commercianti e i distributori di viveri a non approfittare della situazione per arricchirsi a danno dei poveri. Il leader kenyano ha lanciato un appello alla comunità internazionale a fornire aiuti. Se non arrivassero gli aiuti, precisa la Croce rossa keniana, 2,7 milioni di persone rischiano di morire di fame. Oltre che sui giornali lo vediamo tutto intorno a noi. La siccità che spesso suona come una dato, una statistica raccontata dai telegiornali è una durissima realtà che impatta su tutti gli aspetti della vita.

Tutta la regione del Samburu Nord è completamente arida, tutto secco. Nei fiumi stagionali neanche una goccia, nei pozzi neanche. I pastori Samburu hanno dovuto lasciare le famiglie per portare i loro animali in aree molto remote dove persiste l’ultima erba e per farvi un esempio pratico, poichè nella cultura Samburu è il padre che decide pressoché tutto, molto spesso non possiamo fare operazioni mediche importanti (osteomieliti, innesti su ustioni gravi, etc) perchè non abbiamo il consenso del padre che è chissà dove a far sopravvivere il bestiame, per loro unica fonte di sostentamento e sicurezza economica in caso di reale necessità.

Molti bambini hanno dovuto lasciare la scuola per seguire gli animali, altri si sono dovuti rifugiare nelle zone più montuose del Monte Nyro dove c’è più vegetazione, ma sono ancora più isolati da tutto e lontani dalle scuole e dai servizi sanitari. Le donne arrivano in maternità per partorire in stati di disidratazione e malnutrizione cronica elevatissimi, anemiche; ogni taglio cesareo di emergenza è un taglio cesareo complesso per le condizioni precarie della donna.

Il tasso dei neonati prematuri sotto 1 kg è aumentato drasticamente a causa delle infezioni continue delle donne correlate alla mancanza di acqua e per gli sforzi e le distanze che devono percorrere quotidianamente per procurarsi l’acqua. Con l’aumento dei neonati prematuri, il numero delle morti perinatali è diventato elevatissimo. Nell’ultima riunione di ospedale, fatta per discutere le morti perinatali, siamo rimasti tutti senza parole nel vedere sul tavolo la pila di cartelle dell’ultimo mese. Questo elenco potrebbe andare avanti ancora molto a lungo e come disse un professore di Salute Globale “la povertà è un sistema in perfetto equilibrio, e come tutti i sistemi in perfetto equilibrio, molto difficile da alterare”.

Onestamente, di continuare a vivere tutto questo in attesa delle piogge, non è più possibile; così abbiamo deciso, per quanto poco possa essere, di alterare quell’equilibrio e portare del cibo direttamente alle famiglie di alcuni villaggi che da anni seguiamo con progetti di sviluppo: Tuum, Parquati, Wasarongai, Simalè, Lalerock.

La Contea Samburu e il governo del Kenya si stanno muovendo, hanno comprato cibo dal WFP (World Food Program) che a sua volta ha incaricato un’associazione per la distribuzione, ma i tempi sono ancora lunghi. Abbiamo così progettato questo intervento piccolo ma immediato, per tamponare un minimo la situazione.

Le famiglie individuate per il supporto sono in precedenza famiglie con più figli, donne incinta e bambini sotto i 5 anni di età.

140 famiglie a TUUM
140 famiglie a Parquati
110 famiglie a Wasarongai
80 famiglie a Simalè
80 famiglie a Larerok
Nel villaggio più remoto di tutti, Parquati, vorremmo ripristinare la pompa del pozzo che è rotta e creare un serbatoio di emergenza di 5000 litri per un costo di circa 2.500 euro.

La settimana tra il 20 e il 24 febbraio, in seguito alla diretta richiesta di aiuto dal preside della scuola, abbiamo depositato e montato un serbatoio di acqua da 5000 litri per la scuola di Simalè, in modo da creare una fonte temporanea di acqua per tutti i bambini della scuola. Il costo è stato di 700 euro. (400 euro di serbatoio, 200 di trasporto, 100 euro tubature e cemento per la base).

In questi giorni grazie al vostro supporto stiamo già ricevendo le donazioni. Entro questo fine settimana (4-5 Marzo 2017) vorremmo già procedere all’acquisto del cibo in modo da iniziare la distribuzione già dalla prossima settimana. L’emergenza è adesso.

Grazie a tutti coloro che ci aiutano in questo piccolo tentativo di “rompere l’equilibrio”.

FTC Kenya

Come aiutare

Tutte le donazioni sono fiscalmente deducibili.

Dona con Carta di Credito

paypal accepted cards

Puoi effettuare una donazione singola o ricorrente.

logo_wishraiser

Wishraiser ti permette di attivare una donazione ricorrente per i nostri progetti partecipando ogni mese all’estrazione di viaggi e premi.

Dona con Bonifico Bancario

Intestazione / Account Holder: Find The Cure Italia ODV
Sede Legale / Registered Office:
Piazza Della Libertà 8, 17055 Toirano, SV, IT

Donazioni dall’Italia:

IBAN:
IT19I0501801400000011233798

Donazioni dall’estero:

BIC/SWIFT:
ETICIT22XXX

Emergenza siccità Kenya: una WATER TANK per il villaggio di Simalè

Tutti i progetti fino ad ora realizzati e tutti quelli in corso di realizzazione sono stati possibili grazie ai fondi provenienti da donazioni di singoli privati e attraverso le molteplici iniziative che Find the cure ha proposto in questi anni e che ancora propone.

Nella prima metà dell’anno 2017, il Kenya ha attraversato e sta tuttora attraversando un periodo di siccità estrema che sta mettendo a durissima prova tutte le popolazioni del nord. Dopo aver ricevuto una richiesta di aiuto dagli insegnanti di Simalè abbiamo trasportato e montato un tank da 5000 litri che viene riempito una volta al mese dal camion emergenze dell’acqua della contea. Un ringraziamento alla Contea Samburu, al  Ministero dell’acqua e ad Amref per il supporto logistico nell’iniziativa.

L’acquisto della Water Tank è stato reso possibile grazie alla Raccolta Fondi “Emergenza Siccità” su you.findthecure.it

Come aiutare

Tutte le donazioni sono fiscalmente deducibili.

Dona con Carta di Credito

paypal accepted cards

Puoi effettuare una donazione singola o ricorrente.

logo_wishraiser

Wishraiser ti permette di attivare una donazione ricorrente per i nostri progetti partecipando ogni mese all’estrazione di viaggi e premi.

Dona con Bonifico Bancario

Intestazione / Account Holder: Find The Cure Italia ODV
Sede Legale / Registered Office:
Piazza Della Libertà 8, 17055 Toirano, SV, IT

Donazioni dall’Italia:

IBAN:
IT19I0501801400000011233798

Donazioni dall’estero:

BIC/SWIFT:
ETICIT22XXX

La Green House

Tutti i progetti fino ad ora realizzati e tutti quelli in corso di realizzazione sono stati possibili grazie ai fondi provenienti da donazioni di singoli privati e attraverso le molteplici iniziative che Find the cure ha proposto in questi anni e che ancora propone.

La Green House: è un progetto agricolo che vede impiegate 8 donne e 2 uomini in rappresentanza delle loro mogli. Le famiglie beneficiarie sono state selezionate tra le più povere del villaggio. È stato effettuato un corso di 2 giorni sui fondamenti del Green House Management tenuto da un rappresentante del Ministero e da un  rappresentate di Child Fund Kenya.

Il progetto prevede la messa a punto della serra con shadow net e sistema di irrigazione. La semina prevede pomodori, spinaci, sukuma e il ricavato verrà diviso per il 20% al Fondo per finanziare i progetti e per il 80% alle famiglie.

Come aiutare

Tutte le donazioni sono fiscalmente deducibili.

Dona con Carta di Credito

paypal accepted cards

Puoi effettuare una donazione singola o ricorrente.

logo_wishraiser

Wishraiser ti permette di attivare una donazione ricorrente per i nostri progetti partecipando ogni mese all’estrazione di viaggi e premi.

Dona con Bonifico Bancario

Intestazione / Account Holder: Find The Cure Italia ODV
Sede Legale / Registered Office:
Piazza Della Libertà 8, 17055 Toirano, SV, IT

Donazioni dall’Italia:

IBAN:
IT19I0501801400000011233798

Donazioni dall’estero:

BIC/SWIFT:
ETICIT22XXX

Supporto Ostello SHERP per giovani disabili in Kenya

Tutti i progetti fino ad ora realizzati e tutti quelli in corso di realizzazione sono stati possibili grazie ai fondi provenienti da donazioni di singoli privati e attraverso le molteplici iniziative che Find the cure ha proposto in questi anni e che ancora propone.

L’Ostello SHERP (Samburu Handicapped and Rehabilitation Program) in Maralal (Kenya) accoglie e accudisce 135 bambini di tutto il Samburu County con disabilità gravi: principalmente danni da parto, epilettici gravi, sordomuti e malformazioni ossee invalidanti. Il progetto è monitorato dai volontari FTC e in particolare dal dr. Daniele Sciuto e da Yasmin Genovese che, dal 2017, vivono e lavorano a Maralal. Periodicamente, personale sanitario abilitato alla riabilitazione si reca in missione anche presso l’ostello SHERP.

La disabilità grave in questa area non è considerata, i bambini vengono spesso abbandonati e lasciati al loro destino, a volte nelle capanne, a volte nella foresta in balia degli animali.

I più fortunati arrivano in questo centro fondato anni fa da Ben e Grace, marito e moglie kenioti.

Lo S.H.E.R.P ha attraversato momenti molto difficili, in particolare dopo la morte di Ben. Grace, nonostante il grande dolore si è rimboccata le maniche, ma la realtà è questa: trovare fondi e occuparsi di bambini che nessuno vuole si è rivelato essere un’impresa titanica.

Il lavoro quotidiano è svolto da alcune donne del posto, spesso mamme di alcuni piccoli ospiti. Alcune mamas hanno il ruolo di educatrici. I ragazzi più grandi e con disabilità minori spesso svolgono delle funzioni di aiuto, chi in cucina, chi per gli approvvigionamenti, altri ancora per aiutare i più piccoli nella quotidianità.

Le strade di Find the Cure e lo S.H.E.R.P si sono incrociate nel 2014 e, da allora, non si sono più separate.

Attualmente Find The Cure sostiene lo S.H.E.R.P con una donazione mensile che copre tutte le spese che necessitano i bambini: dall’acquisto di farmaci anti epilettici, ai pannolini, alla vasellina per ammorbidire la pelle ed evitare l’insorgenza di piaghe, a cibo nutriente, ai vestiti, alle cure mediche.

Oltre a frequenti raccolte di vestiario necessario per sopportare il freddo inverno del Mararal, vengono periodicamente condotte campagne di donazione, sia per l’acquisto in loco di materiale per la produzione di presidi per migliorare la qualità di vita dei ragazzi più gravi, ad esempio molto successo ha avuto in passato l’iniziativa “dona una sedia allo S.H.ER.P “ che ha permesso a molti bambini di assumere una postura corretta, in particolare durante i pasti.

Lo Sherp è stato inoltre obiettivo di raccolta per l’anno 2016 da parte del progetto I run for Find The Cure. Dal 2018 sono state introdotte giornate dedicate al cibo tra cui vegetable day, eggs day, bread day o mandazi day per permettere ai ragazzi di assumere cibi nutrienti e una dieta varia. Queste giornate sono sostenute soprattutto grazie ai contributi di donazioni versate su You Find The Cure.

Nel 2018 sono stati acquistati materassi nuovi, sono state ridipinti e sanificati i dormitori ed è stata ristrutturata la cucina. Sempre nel 2018 le porte del centro sono state aperte alla cittadinanza, organizzando una grande festa che ha, in qualche modo, accorciato le distanze tra i ragazzi del centro e la popolazione.

Da Giugno 2018 abbiamo iniziato a pensare che una fattoria avrebbe potuto aiutare il centro all’automantenimento, se non totale almeno parziale e inoltre avrebbe potuto dare lavoro ad alcuni locals. E’ nato così il primo orto che attualmente fornisce il fabbisogno di verdura per tutto lo S.H.E.R.P

Puoi sostenere questo progetto su You Find The Cure!

I Regali Solidali sono Progetti sono scelti dalla Carta dei Propositi di Find The Cure per l’anno in corso. Per ciascuno sono possibili diversi tagli di donazione, a partire da sette euro. Le donazioni vengono usate al 100% per il progetto scelto e comprendono giornate alimentari, stipendi per insegnanti e kit scolastici.

Li abbiamo chiamati Regali perchè, compilando una cartolina che riceverai una volta completata la donazione, possono essere donati anche a una persona cara. Ma soprattutto perchè si tratta di piccoli pensieri che portano grandi differenze nei paesi sostenuti dai Progetti Find The Cure!

Come aiutare

Tutte le donazioni sono fiscalmente deducibili.

Dona con Carta di Credito

paypal accepted cards

Puoi effettuare una donazione singola o ricorrente.

logo_wishraiser

Wishraiser ti permette di attivare una donazione ricorrente per i nostri progetti partecipando ogni mese all’estrazione di viaggi e premi.

Dona con Bonifico Bancario

Intestazione / Account Holder: Find The Cure Italia ODV
Sede Legale / Registered Office:
Piazza Della Libertà 8, 17055 Toirano, SV, IT

Donazioni dall’Italia:

IBAN:
IT19I0501801400000011233798

Donazioni dall’estero:

BIC/SWIFT:
ETICIT22XXX

Supporto alla Nursery di Tuum

Tutti i progetti fino ad ora realizzati e tutti quelli in corso di realizzazione sono stati possibili grazie ai fondi provenienti da donazioni di singoli privati e attraverso le molteplici iniziative che Find the cure ha proposto in questi anni e che ancora propone.

Nursery di Tuum, sostegno a 60 bambini, appartenenti a famiglie che non potrebbero sostenere le spese della nursery. In particolare si provvede alla retta, allo zainetto e alla divisa, comprese le scarpe.

Costo complessivo all’anno: 2.600 euro

Il villaggio di Tuum è raggiungibile dal centro di Mararal, Kenya, con un viaggio di 4/5 ore (salvo imprevisti o forature sempre dietro l’angolo!) su una strada sterrata piena di solchi creati dall’acqua nella stagione delle piogge. La strada arriva nella parte bassa del villaggio e per raggiungere la Nursery, che si trova nella parte più in alto, si attraversa tutto il villaggio.

La scuola è circondata da un grande giardino recintato pieno di bambini che appena ci vedono si accalcano lungo la rete per salutarci. La cosa che più colpisce è il numero di bambini in relazione alle relativamente poche magnatte (abitazione tipica samburu) che abbiamo incontrato salendo lungo la strada. Succede perché qui la scuola è spesso distante dal proprio villaggio e per raggiungerla i bambini affrontano diversi km a piedi su sentieri e stradine nella boscaglia. Ma nei loro sorrisi la fatica non si vede, si vede solo la gioia di imparare!

Come aiutare

Tutte le donazioni sono fiscalmente deducibili.

Dona con Carta di Credito

paypal accepted cards

Puoi effettuare una donazione singola o ricorrente.

logo_wishraiser

Wishraiser ti permette di attivare una donazione ricorrente per i nostri progetti partecipando ogni mese all’estrazione di viaggi e premi.

Dona con Bonifico Bancario

Intestazione / Account Holder: Find The Cure Italia ODV
Sede Legale / Registered Office:
Piazza Della Libertà 8, 17055 Toirano, SV, IT

Donazioni dall’Italia:

IBAN:
IT19I0501801400000011233798

Donazioni dall’estero:

BIC/SWIFT:
ETICIT22XXX