Archivi della categoria: Mission III

About Francesca..

Si viaggia, la strada è dritta, il sole caldo. Qualcuno cede alla stanchezza e si addormenta, qualcuno si perde nei suoi pensieri. C’è pace. E mi piace pensare che questo viaggio è come la nostra vita: la strada è lunga, spesso difficile, qualche volta ci

Day 13

Sveglia ore 7.00. La colazione è pronta ovviamente. Il chapati, banane, miele e cannella non mancano. Apriamo subito l’ambulatorio. Con sorpresa troviamo il nuovo allestimento messo su da Mission PS, una bella scialitica, un bel lettino e una sterilizzatrice. Dedichiamo la mattinata a sistemare il

About Lara..

“Il viaggio continua, kilometri su kilometri come attimi di stupore che si susseguono uno dopo l’altro. Il mio corpo è avvolto dal clima caldo e i miei occhi sono incollati ai finestrini, incantati dal paesaggio e dai suoi colori. L’azzurro acceso del cielo, il verde

Day 12

ore 5.00 am sveglia. Nel buio del mattino carichiamo silenziosamente i bagagli per non svegliare i bambini. Le sisters sono già in piedi con una tazza di caffè caldo pronta per noi. Ci salutano calorosamente e con il sorgere del sole siamo già per strada

Day 11

  ore 8.00 sveglia con il movivento dei bambini. Sanno che siamo arrivati, sono già tutti fuori che aspettano di giocare. Così ci buttiamo per un giorno nella loro vita. C’e chi gli racconta storie, chi gli insegna un girotondo, chi il rubabandiera. Sono molto

Day 10

  ore 5.00 am sveglia. Si parte, direzione sud. Il viaggio è lungo e dire colorato non rende. La strada a tratti è buona a tratti a buche ma tutto scorre bene. Le risaie pian piano spariscono per lasciare il posto ad un  terreno sempre

Day 9

  sveglia ore 7.30. Colazione sobria, il cecchino dell’enterite ha colpito a caso qua e la, nulla di grave, il buono è che colpisce in fretta e sparisce in fretta. Sarà stata la papaya offerta dal villaggio che non si poteva rifiutare, o la mano

About Chiara..

Colori, nuvole, culture che si intrecciano tra di loro…un popolo affascinante..strano..un altro mondo..incredibile se non lo si vive in prima persona..toccante..un viaggio fuori dal mondo..e poi ritorno con i miei pensieri alla mia vita..lontana da tutto questo..è un pò di nostalgia arriva, a volte..e allora

Day 8

   ore 7.00 sveglia. Andiamo all’oceano. Attraversando i villaggi dei pescatori nomadi percorriamo i 500 metri che ci separano dall’oceano. La spiaggia è lunga e desolata, il mare di un colore scuro come la sua sabbia e agitato. L’acqua è calda. I villaggi dei pescatori

Day 7

  ore 6.00 am sveglia, un pò di caffè, carichiamo i borsoni e siamo sulla strada verso Machilliputnan piccola cittadina sulla costa orienatale le cui terre in passato sono state innondate dallo Tsunami. Due ore di viaggio che passano veloci tra i racconti di Jose