Fatto nel 2016 e da fare nel 2017

Quest’anno si sono svolte 5 missioni, una in India, due in Kenya, una  in Mali e una in Tanzania e sono partiti in totale 16 volontari. Ma cosa abbiamo fatto?

findthecure-blogPartendo dal Mali, il villaggio di Djeguila, piccola area rurale del comune di Sebekoro, ha una maternità nuova. Dopo gli studi idrogeologici, abbiamo costruito due pozzi a circuito chiuso con pompa manuale nel comune di Kassaro: uno nel villaggio rurale Soribogou, l’altro a Doumangolo.

Sempre in Mali, abbiamo aggiunto alla Carta dei Propositi la costruzione di un magazzino per lo stoccaggio delle noci di burro di karitè nel villaggio di Bouroubogou oltre all’acquisto  di un nuovo  mulino per la lavorazione.

In Kenya abbiamo sostenuto per tutto l’anno (e sono progetti riconfermarti nel 2017) la Scuola serale dei bimbi pastore di Simalè, la nursery di Tuum, la Green House di Tuum, il centro S.H.E.R.P e la scuola di Gyaviira nello slum di Kibera a Nairobi. Rimandato invece al 2017  il pozzo di Opiroi.

In Tanzania è continuato il supporto al progetto sostegno a distanza per i due ostelli, maschile e femminile di Msolwa Ujamaa, e il supporto, attraverso  l’invio di personale infermieristico, al Good Samaritan Hospital.

In India è proseguito il supporto al progetto sostegno a distanza per l’ostello/orfanotrofio di O.D.C in Andhra Pradesh e abbiamo re introdotto il supporto al food program di Eluru.

Anche il programma Adotta un malato ha allargato il suo respiro: e ora comprende tutti i Paesi dove opera Find the Cure, con l’inserimento di nuovi pazienti da seguire.

In questo 2016 il progetto AFRICA UNITED si è solidificato coinvolgendo molte squadre: ora non ci rimane che consegnare le centinaia di divise da calcio che sono arrivate nelle nostre sedi.

Si è  consolidata la forza del progetto sportivo solidale I RUN FOR FIND THE CURE, al quale hanno aderito nel 2016 oltre 35 squadre e tantissimi atleti che hanno portato alle gare, nelle strade e sulle montagne il  nostro messaggio solidale. I 20.000 euro raccolti sono tutti destinati al sostegno del centro S.H.E.R.P, di Maralal, che accoglie oltre 120 bambini/ragazzi, con differenti disabilità.

Per il 2017 invece vi rimandiamo alla lettura approfondita della nuova Carta dei Propositi – cliccare per approfondire!

carta-propositi-2017-print-font-custom

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *