Mission Mali 2 – Primi giorni

Primi giorni a Kassaro popolati da tante emozioni, pensieri e sensazioni diverse.

Per le sorelle bandana è come non essere mai andate via, come se un ponte invisibile avesse collegato questi mesi intercorsi tra una missione e l’altra. Sentire la risata di Diak, vedere il volto sorridente di Sori e Fili che ci aspetta per cena è roba al massimo di due giorni fa.

Per Domi, già stata in India diverse volte, questa è la prima in Africa. Dopo poche ore a Kassaro il risultato è: “lo sapevo che mi sarei innamorata anche di questa terra”.

Per Bruzzo, soprannominato Sampei per l’occasione, dopo pochi minuti il risultato è: “siamo proprio su un altro pianeta”.

Il giorno dopo il nostro arrivo la prima tappa è al Centro di Salute per vedere la nuova pompa ad immersione alimentata da pannelli solari che porta l’acqua all’interno della maternità e al Comune. E poi, sotto una pianta della Mairie, come ormai è consuetudine, facciamo un programma dei prossimi giorni. Tanti medical camp in villaggi diversi, visita a Bolokourouni per festeggiare il pozzo. Programma ricco…parecchio ricco…grazie Diak. Aiutoooo!

Per cercare di accorciare le differenze culturali tra il popolo maliano e quello italiano abbiamo portato con noi il vocabolario Bambarà-Italiano erogatore di massime e perle di saggezza che al momento non comprendiamo al 100% ma che abbiamo deciso di condividere con voi.

ntugan=tortora
“ci sono proiettili che non uccidono un uccello ma gli tolgono le piume”.
Morale: le cattive parole non uccidono le persone ma possono danneggiarle.

Lascia un commento

Un pensiero su “Mission Mali 2 – Primi giorni”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *