MISSION OH – partenza improvvisa

Premesso che non siamo un associazione in grado di gestire grosse emergenze umanitarie e per certi versi non vogliamo neanche fare parte di quella folle corsa di giganteschi aiuti umanitari di personale e materiale (tanto quanto gli sprechi), che si svegliano tutto ad un tratto solo durante le maxi catastrofi. (Haiti è uno dei paesi più poveri al mondo da sempre. Quanti progetti umanitari ci sono ad Haiti?.. qualcuno ci ha persino detto: “Non pensavo che Haiti fosse un paese povero…”.)

Premesso che non siamo un associazione in grado di dire di no ad una richiesta di aiuto sincero da zone abbandonate. In questo caso da parte di Malakimacongo, associazione che conosciamo personalmente con la persona di Masengo Ma Mbongolo che dal 2002 sostiene un progetto ad Haiti.

Nasce così MISSION OH (aiutOHaiti).

Destinazione: Montagne Noire, paesino nell’entroterra di Port au Prince.

Partenza 23 febbraio

Team: Daniele Sciuto, medico, Find The Cure, Masengo Mbongolo, Malakimacongo

6/02/2010

“Abbiamo un effettivo di 1045 senzatetto sotto la nostra responsabilità, un effettivo di 154 feriti, donne e bambini inclusi, necessitiamo dei medicinali di primo soccorso, di tamponi e assorbenti per donne. Al momento abbiamo 2 donne che stanno per partorire e non abbiamo medicinali. Purtroppo non abbiamo ONG qui vicino. Come ci avete richiesto continueremo a cercare di trovare un appoggio, ma per ora le ONG sono tutte troppo occupate nel centro città anche solo per prestarci attenzione e non riusciamo a prendere contatto. In questi giorni è in corso un’epidemia di febbre e morbillo, specie fra i bambini. La logistica che abbiamo è la nostra medicina tradizionale, perché non abbiamo trovato aiuto. Abbiamo bisogno di acqua, cibo e medicinali di primo soccorso.

Grazie. Elien Isac”

11/02/2010

”In questo momento abbiamo bisogno di cibo, tende ed altri prodotti alimentari e di sementi. I medicinali di cui abbiamo bisogno sono i medicinali contro la diarrea, il tetano, la pertosse. Il medico potrà andare fino alle zone più lontane come Leogane e Ti Goave, Siccome Port au Prince è sotto le macerie, tutta la gente vuole ripartire per i propri villaggi portando con sé prodotti alimentari dalla città (Port au Prince è la centrale di smistamento dei prodotti e ora che tutto è bloccato a causa del terremoto nulla arriva più ai villaggi fuori della capitale). I nostri negozi qui in Haiti hanno tutti quello di cui abbiamo bisogno. Se arrivate troppo carichi di viveri e materiali avrete problemi con la dogana, meglio che portiate con voi materiale di lavoro e denaro per acquistare sul posto quello che serve. Mbuta Elien Isac.”

Dovremmo passare da Santo Domingo, l’aereoporto di Port au Prince è bloccato, da li verso Haiti con la corriera. 100 kg di franchigia per portare materiale, specialmente farmaci (vedi lista).Una volta arrivati ci concentreremo sulle necessità mediche e sull’acquisto del materiale e cibo per i malati e i senza casa.

Il tempo a disposizione prima della partenza non è molto, così chiediamo, a chi vuole unirsi a noi e aiutare, una pronta risposta e tempi rapidi.

COME AIUTARE?

Con donazioni con causale: AIUTO HAITI

I fondi verranno portati e utilizzati interamente per acquistare materiale per la popolazione senzatetto haitiana. (Spese di volo e di permanenza sono a carico di chi parte, come sempre, regola FTC)

Oppure aiutandoci a procurare i seguenti farmaci:

LISTA FARMACI MISSION aiutOHaiti

1. Paracetamolo

2. antibiotici ad ampio spettro

3. antibiotici sciroppo per bambini

4. antibiotici iniettivi (Rocefin)

5. antidolorifici compresse e fiale

6. mebendazolo

7. cotrimossazolo

8. metronidazolo

9. cortisonici compresse e fiale

10. colliri oftalmici atb

11. puff per asmatici

12. benzil benzoato

13. violetto di genziana

14. ferro + acido folico

15. multivitaminici

16. disinfettanti e materiale da medicazione

17. pomate cutanea antibiotiche

18. antipertensivi

19. protettori gastrici

20. set chirurgici da sutura

Quindi cari amici, c’è sempre qualcosa di buono da fare. Questa volta con una discreta urgenza. Chi non ha ancora aiutato ma pensava di farlo, chi l’ha gia fatto ma è pronto a rifarlo, noi ci mettiamo il nostro impegno a portare gli aiuti dritti a destinazione nel miglior modo possibile.

Grazie del supporto, anche così all’improvviso.

Lascia un commento

4 pensieri su “MISSION OH – partenza improvvisa”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *