Un container per Msolwa Ujaama con Tac, materiale sanitario e scolastico

Un container per Msolwa Ujaama con Tac, materiale sanitario e scolastico

Nazione
Anni
Stato
Più dettagli
Tutti i progetti fino ad ora realizzati e tutti quelli in corso di realizzazione sono stati possibili grazie ai fondi provenienti da donazioni di singoli privati e attraverso le molteplici iniziative che Find the cure ha proposto in questi anni e che ancora propone.

ABBIAMO TRASPORTATO:

  • Materiale sanitario
  • TAC
  • Materiale scolastico
  • Vestiti per bambini
  • Materiale ludico per i ragazzi
  • Materiale sportivo per i ragazzi (palloni da calcio, da pallavolo, rete da pallavolo, divise da calcio)

DESTINAZIONE: MSOLWA UJAAMA

Si trova nel distretto di Kilombero, regione di Morogoro, Tanzania del Sud. Conta quasi diecimila abitanti, sparsi su un territorio piuttosto ampio, una costellazione di piccole case nascoste tra gli enormi alberi della foresta africana. La lingua ufficiale e il kiswahili, i più giovani parlano un po’ di inglese.

Chi vive a Msolwa per lo più lavora per la multinazionale sudafricana proprietaria delle coltivazioni di canna da zucchero, qualcuno si dedica al commercio, qualcuno all’agricoltura.

Durante il periodo delle piogge la natura rivela tutta la sua durezza: le strade di terra battuta diventano una melma difficilmente percorribile, il rischio della malaria aumenta vertiginosamente e anche le vie di comunicazioni principali vengono messe a rischio.

I bambini sono tantissimi, gli anziani pochi. La mortalità infantile è abbastanza alta, soprattutto nei primi cinque anni di vita.

Le condizioni igieniche nel villaggio sono piuttosto precarie, aids e malaria sono presenze costanti.

GRAZIE DAVVERO DI CUORE A QUANTI HANNO CONTRIBUITO ALLA REALIZZAZIONE DEL SECONDO CONTAINER DI FTC!

I RUN TO YOU - recupero del materiale
IGNAZIO MESSINA - nolo mare gratuito
FATTO COL CUORE - sarte per i bambini di Msolwa
OULX TRAILERS - donazione magliette
GRAFICA TOMATIS - personalizzazione container
BALLA COI CINGHIALI - donazione container

E anche:

  • Il nuovo Centro Diagnostico Andorese del dott. Gianluca Pannunzio che ha gentilmente donato la Tac
  • Le squadre sportive che hanno donato divise da calcio, da pallavolo, palloni e le reti da pallavolo: Juventus Club Asti e Albissola Calcio
  • Annamaria Rossello e Don Pinetto che hanno donato 2 campane per la parrocchia di Msolwa Ujamaa
  • I nostri volontari che hanno raccolto, catalogato, inscatolato, assemblato, caricato il container

Le ragioni di un Container

Come associazione siamo stati sempre molto restii a organizzare container… il motivo? Tra costi per l’acquisto, spedizione, burocrazia, tempo e sudore, il valore della spedizione e quindi del materiale all’interno del container deve compensare tutto il lavoro che c’è dietro la preparazione.

Nella storia di Find the Cure, ne abbiamo organizzato solamente uno per l’iniziativa Find the Bike. Il container era pieno di bici, ma siccome non ci piacciono gli spazi vuoti abbiamo aggiunto materiale da costruzione e tante macchine da cucire per una scuola. Era il 2010… ci abbiamo messo 4 anni per deciderci a organizzarne un altro!

Tutto ha inizio il 28 Agosto 2013, quando  i nostri amici Missionaries of Compassion pongono  la prima pietra per quello che diventerà l’Ospedale Good Samaritan di Msolwa Ujamaa, Tanzania, un progetto grande, ambizioso, molto più grande delle nostre forze. Ma dire di no a padre Manoj e padre Jose è cosa molto difficile, per cui abbiamo comunque deciso  di sposare il progetto del Good Samaritan, organizzando un container che contenesse principalmente materiale sanitario.

Complici dell’operazione, gli amici Nicola e Claudia, fondatori di una associazione a noi molto cara I RUN TO YOU  e Ivan. Insieme si sono occupati di recuperare il materiale dismesso dall’Ospedale San Giovanni di Bellinzona: Ivan ha recuperato il materiale presso gli enti, mentre Nicola e Claudia hanno provveduto al furgone gentilmente messo a disposizione da Carola e Vittorio Mazzetta della ditta OMV SA di Locarno.

Il container è stato caricato al porto di Genova sulla  Jolly Perla della compagnia marittima Messina, partenza prevista  giorno 26  Ottobre, direzione porto di Dar es  Saalam, dove dovrebbe arrivare verso metà Gennaio.

Dopodichè una ben nota lungaggine burocratica attenderà  padre Manoj, per fare in modo che il container possa arrivare quanto prima nel villaggio di Msolwa Ujamaa.