Costruzione della Maternità di Nafadji Coura, Mali

Costruzione della Maternità di Nafadji Coura, Mali

Nazione
Anni
Tipo
Stato
Più dettagli
Questo progetto è supportato da I run for Find The Cure, il progetto sportivo-umanitario creato da Find The Cure e che unisce sport e solidarietà in un legame così stretto da non riuscire a distinguere la fine di uno e l’inizio dell’altro.

Situata in un villaggio punto di riferimento per il comune di Kassaro, la Maternità di Nafadji Coura in Mali versa ormai in pessime condizioni. Ciò nonostante, dal 2002, anno in cui l’abbiamo conosciuta durante i medical camp della Missione, la matrone Marianne Djaollo fa nascere regolarmente bambini, curando loro, i genitori, e la famiglia tutta. Costruiremo una nuova maternità perchè la salute materno infantile rimane uno degli aspetti fondamentali della sanità in Africa tante volte trascurato, spina nel fianco di tante realtà, soprattutto le più povere.

Preventivo: 20.000€

La nuova struttura prevede:

  • Una sala parto
  • Una sala per le consultazioni pre natali e le consultazioni curative
  • Una piccola stanza adibita a farmacia
  • Una sala di riposo post parto
  • Un porticato esterno con la funzione di sala d’aspetto
  • Wc

Nafadji Coura è un villaggio rurale che fa parte del Comune di Kassaro in Mali.

Dista circa 15 km da Kassaro ed è raggiungibile attraverso una pista sterrata che, nel periodo delle pioggie, diventa praticabile solamente con motorette (per i più fortunati) o a piedi/bici.

Ha una scuola elementare e una maternità, per questo rappresenta un villaggio di riferimento per tutte le piccole frazioni vicine.

La maternità di Nafadji Coura è stato uno dei primi posti dove, nel 2012, svolgemmo quello che poi sarebbe diventato consuetudine di ogni missione: un Medical Camp.

Già allora fummo molto colpiti dalle condizioni in cui versava la maternità. Una struttura abbastanza grande, ma fatiscente. Locali interni con grandi crepe, pavimento in terra battuta, una sconfortante sensazione di abbandono.

Ma in realtà la maternità non era e non è abbandonata per nulla. Dal 2012, anno in cui l’abbiamo conosciuta, Marianne Djaollo, la matrone, ha continuato a far nascere bambini, a visitarli una volta nati, a curare loro e i loro genitori, i fratellini, i nonni e i parenti tutti, attraverso quelle che si chiamano le “consultations curatives”:

0
Parti effettuati
0
Consultazioni prenatali
0
Consultazioni curative

Numeri interessanti se si pensa che la struttura cade a pezzi!

Con la missione di Novembre 2015 Yasmin Genovese scriveva nella sua relazione: Ogni spazio, per quanto possibile, è ben ordinato e “pulito” e si possono individuare con facilità gli strumenti essenziali per l’attività quotidiana delle visite”.

Ma con la missione di Maggio 2016 abbiamo trovato la maternità in condizioni strutturali veramente pessime con finestre divelte dalle forti piogge che hanno man mano “sciolto” il fango che compone i muri.

Eppure Marianne ha continuato a lavorare e gli abitanti di Nafadji Coura, Baghan e Koliflo a recasi da lei.

La richiesta di costruzione di una nuova maternità era arrivata in realtà già un anno fa, ma purtroppo allora non eravamo nelle condizioni per poter accettare un progetto in più.


Sono moltissime le attività che una piccola maternità rurale può svolgere: dalle consultazioni prenatali – per eventualmente inviare le donne con gravidanze problematiche al Centro di salute di riferimento a Kassaro – al depistage per la malnutrizione per i più piccoli, alle consultazioni curative e ovviamente i parti.

Nonostante si sia anni luce da una qualsiasi maternità italiana, dalle innumerevoli ecografie ed esami di una donna occidentale, la maternità rurale è quel piccolo barlume di speranza per poter aiutare le donne a partorire in un ambiente più sicuro, rispetto alla capanna, sotto lo sguardo esperto di una matrone, con la somministrazione di farmaci essenziali subito nel post parto.

La salute materno infantile rimane uno degli aspetti fondamentali della sanità in Africa tante volte trascurato e spina nel fianco di tante realtà, soprattutto le più povere.

Far nascere un bambino e far partorire una donna in sicurezza, a Nafadji Coura significa far crescere il proprio villaggio.

Supporta questo progetto correndo con Find The Cure

Entra anche tu nel team sportivo-solidale “I Run for Find the Cure”!

Non vogliamo il più forte o il più veloce, ma i più sorridenti, generosi, solidali, coraggiosi disposti a farsi portavoce di un forte messaggio di sport e solidarietà vestendo una maglia carica di valori.